• +39 09841716330
  • company@wesmart.it
  • Via A. Monaco, 20, 87100 Cosenza

Pubblicato l’avviso del MIUR per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

  1. News
  2. Pubblicato l'avviso del MIUR per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.
Pubblicato l’avviso del MIUR per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Con il Decreto Direttoriale 13 luglio 2017, n. 1735, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha pubblicato l’avviso che assegna 497 milioni di euro al finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) 2015-2020:

  • Aerospazio
  • Agrifood
  • Blue Growth
  • Chimica verde
  • Cultural Heritage
  • Design, creatività e Made in Italy
  • Energia
  • Fabbrica Intelligente
  • Mobilità sostenibile
  • Salute
  • Smart, Secure and Inclusive Communities
  • Tecnologie per gli Ambienti di Vita

 

In attuazione dell’Asse II del PON “Ricerca e Innovazione” 2014-2020, il MIUR realizza l’intervento con l’obiettivo di creare e stimolare un ecosistema favorevole allo sviluppo “bottom up” di progetti rilevanti attraverso forme di partenariato pubblico-privato che integrino, colleghino e valorizzino le conoscenze in materia di ricerca e innovazione.

Le domande dovranno essere presentate dal 27 luglio al 9 novembre 2017 tramite i servizi dello sportello telematico SIRIO (http://roma.cilea.it/Sirio) da parte di imprese, università, enti pubblici di ricerca, organismi di ricerca pubblici e privati, amministrazioni pubbliche e ogni altro soggetto in possesso dei requisiti previsti dall’avviso, ai sensi dell’art. 5, comma 1 del DM 593/2016. I soggetti ammissibili, riuniti nella forma di partenariato pubblico-privato, potranno presentare richiesta per il finanziamento di progetti di valore compreso tra 3 e 10 milioni di euro.

 

Gli interventi dovranno svolgersi nei territori del Mezzogiorno, tuttavia, in attuazione dell’art. 70 del Regolamento (UE) 1303/2013, una quota delle risorse PONRI è destinata a finanziare attività che potranno svolgersi anche nelle restanti regioni del Centro-Nord (fino ad un massimo del 20% dei costi ammissibili) purché sia dimostrato il beneficio per i territori del Mezzogiorno in termini occupazionali, di capacità di attrazione di investimenti e competenze, di rafforzamento della competitività delle imprese e  di valorizzazione dei risultati della ricerca.

La durata massima dei progetti, indicata in sede di presentazione della domanda di agevolazione, non deve superare i 30 mesi, prorogabile una sola volta e per un massimo di ulteriori 6 mesi.

 

I progetti (elaborati in lingua italiana e in lingua inglese), sono ammessi all’agevolazione nella forma del contributo alla spesa, nel rispetto delle seguenti intensità di aiuto:

  • Ricerca Industriale: nel limite massimo del 50% dei costi ammissibili;
  • Sviluppo Sperimentale:
    • nei limiti del 25% incrementabile sino ad un massimo del 50% per le PMI e del 40% per le Grandi Imprese, nel rispetto delle condizioni di cui all’articolo 25, commi 6 e 7 del Regolamento (UE) 651/2014;
    • in misura pari al 50% per tutti gli altri soggetti ammissibili.

Le spese ed i costi ammissibili sono riferibili a: costi degli strumenti e delle attrezzature, costi dei fabbricati e dei terreni, costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti acquisiti, spese generali supplementari ed altri costi di esercizio, inclusi costi di materiali, forniture e prodotti analoghi.

 

Clicca qui per saperne di più.

 

Condividi!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn