• +39 09841716330
  • company@wesmart.it
  • Via A. Monaco, 20, 87100 Cosenza

ARTSHARES

  1. ARTSHARES

ARTSHARES è un progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale presentato sul POR Calabria FESR 2014-2020, Sostegno alla creazione di microimprese innovative startup e spin-off della ricerca, Linea 1.4.1 e WeSmart si configura come fornitore di servizi di Ricerca & Sviluppo.

Con ARTSHARES si intende realizzare un’innovativa piattaforma web che ha l’obiettivo di diventare la prima Borsa Internazionale dell’Arte, dedicata al trading internazionale delle opere d’arte. L’iniziativa si rivolge ad artisti, collezionisti, galleristi ed investitori: la piattaforma si prefigge l’obiettivo di diventare il punto di riferimento per quotare, certificare e vendere dipinti, sculture etc.

Caratterizzata da un originale sistema di expertise e dalla possibilità esclusiva di opzionare quote/azioni di singole opere d’arte o di collezioni poste all’asta utilizzando la tecnologia blockchain, la piattaforma ARTSHARES pone particolare focus sull’arte contemporanea e gli artisti emergenti per creare “nuovo valore”, creando un sistema in cui tutte le informazioni significative relative all’opera siano complete, affidabili, accessibili pubblicamente, in tempo reale e ovunque ci si trovi. L’innovatività di ARTSHARES risiede nella possibilità di sfruttare le quotazioni come in una Borsa Valori: a differenza delle aziende, che sono soggette a una molteplicità di fattori di rischio, le opere d’arte – ben custodite e assicurate – garantiscono il loro valore nel tempo e concludono la loro vita finanziaria solo se vengono acquistate e ritirate dal mercato.

Le motivazioni alla base di ARTSHARES risiedono nella nuova fase positiva che il mercato dell’arte sta attraversando: negli ultimi anni sono cresciuti sensibilmente le transazioni effettuate, i volumi d’investimento e i guadagni delle aste, mentre per il futuro ci si attende una conferma dei trend in atto. Inoltre, i gestori patrimoniali ritengono che i beni artistici e gli oggetti da collezione debbano ormai entrare a fare parte strutturale dei portafogli inclusi nelle loro offerte professionali, riconoscendo al contempo la necessità di inserire servizi di art advisory accanto a quelli di wealth management. Ed ancora, affinché il potenziale – non solo economico, finanziario, ma anche occupazionale – legato al mercato dell’arte possa pienamente tradursi in realtà, due sono gli obiettivi da realizzare:

  • consentire ai giovani artisti e ai piccoli investitori di accedere al mercato;
  • certificare, a costi contenuti, il valore delle opere poste in vendita.

Tali peculiarità saranno le caratteristiche distintive di ARTSHARES, che mira a soddisfare esattamente tali esigenze con una piattaforma web di aste on line, disegnata per offrire ad appassionati d’arte, investitori, trader e persino piccoli risparmiatori – da un lato – agli artisti – dall’altro – l’occasione per valorizzare a livello mondiale singole opere o intere collezioni di oggetti d’arte quali quadri, sculture, fotografie e altre creazioni artigianali come gli elementi d’arredo o gli strumenti musicali, che altresì rimarrebbero nel limbo di un mercato, quello dell’arte, più propenso alla grande opera.

Rispetto lo stato dell’arte del settore, le leve commerciali di ARTSHARES sono due:

  1. aste on line tradizionali: una funzione relativamente “classica” per la compravendita di opere, che però

allarga il suo raggio di azione anche a proposte di piccoli artisti, proprietari, collezionisti, gallerie e gestori specializzati;

  1. art sharing on line (aste azionarie): una modalità innovativa che consente a professionisti, appassionati, investitori, di opzionare singole quote o azioni (shares) delle opere poste all’interno della piattaforma.

Un ulteriore elemento di innovatività di ARTSHARES è dato da un’apposita commissione di valutazione, che creata riunendo in rete prestigiose Gallerie d’Arte nazionali e internazionali, regola l’accesso alla piattaforma, che si arricchisce in ultima battuta di una serie di servizi accessori, sempre più ricercati dal mercato, disponibili

anche su app dedicate: valutazione di opere on demand, anche se non inserite in piattaforma, segnalazione “personalizzata” di autori e opere, promozione di eventi e informazioni sul mondo dell’arte, offerta a prezzi convenzionati di assicurazioni e trasporto opere.